Chi è il counselor?

Il counselor: chi è questo professionista?

chi-è-il-counselor

Il Counselor è un professionista con specifiche competenze relazionali e comunicative attraverso le quali “aiuta le persone ad aiutarsi”, a gestire i propri problemi utilizzando risorse individuali senza dipendere da interpretazioni o consigli forniti da altri. Infatti se una persona si trova in difficoltà, il miglior modo per aiutarla non è quello di dirle cosa fare, quanto piuttosto di darle la possibilità di comprendere la sua situazione, gestire il problema e assumersi da sola e pienamente la responsabilità delle scelte successive.

La stessa parola Counseling deriva dal verbo latino consulo che significa “prendersi cura, aiutare”. L’obiettivo del Counselor infatti è quello di:

  • ascoltare la persona
  • supportarla nelle sue difficoltà
  • prendersi cura di lei aiutandola a migliorare la qualità della propria vita.

E lo fa focalizzandosi più sul presente che sul passato, lavorando sul “qui ed ora”, insegnando a guardare la realtà da diversi punti di vista rimanendo, appunto, nell’oggi.

Un altro aspetto che può aiutare a comprendere meglio il ruolo del Counselor è quello di considerare la persona che chiede aiuto un cliente e non un paziente. Questa precisazione chiarisce immediatamente la natura della relazione che si basa su una parità di fondo e in cui il cliente non viene connotato come malato ma considerato un individuo sano alla ricerca di aiuto per poter migliorare il rapporto con se stessa e con gli altri.
Il cliente che si rivolge ad un Counselor è quindi una persona che sta vivendo una difficoltà specifica e che sta abbastanza male da rendersi conto di avere bisogno di aiuto, ma sta ancora abbastanza bene da potersi impegnare in prima persona per risolvere i propri problemi.

Che differenza c’è tra counselor e psicoterapeuta?

Lo psicoterapeuta agisce nell’ambito del disagio e della sofferenza psichica, nella quale la persona non è portatrice di un problema specifico sul quale intervenire e riflettere insieme, ma piuttosto di un quadro disarmonico della personalità, le cui origini possono essere lontane nel tempo. In questo caso, il compito del terapeuta sarà di riarmonizzare le basi della personalità e ricostruire una struttura relazionale in grado di fornire gli elementi basilari per una vita psichica sana e, per quanto possibile, serena. Il psicoterapeuta intraprende quindi un lavoro di cui non conosce a priori la durata.

Il Counselor lavora su un tema specifico, deciso con il cliente e per un tempo determinato, senza mettere in discussione la struttura della personalità del cliente stesso.
L’approccio del Counselor parte dal presupposto che tutti abbiamo già le risorse che occorrono per affrontare i problemi, ma non riusciamo a vederle chiaramente, a svilupparle od a servircene in modo funzionale. L’analisi del modo di relazionarci con gli altri attraverso i nostri comportamenti – condizionati e ripetitivi – è il primo fondamentale passo per una presa di coscienza del nostro modo di interagire con chi ci sta vicino ed è anche la chiave di lettura dei comportamenti delle altre persone nei nostri confronti.
Il Counselor svolge questa funzione cioè quella di accompagnare la persona in un suo percorso evolutivo, con delicatezza, riservatezza, rispetto e sensibilità.

Come viene gestito un percorso di counseling?

Gli incontri con il Counselor – individuali o di gruppo – sono solitamente sviluppati in un percorso di 8-10 sedute. Vengono svolti guidando la persona a prendere consapevolezza delle sue risorse e rinforzando le sue competenze decisionali, di scelta e di cambiamento.
Il primo incontro è sempre conoscitivo e propedeutico ad impostare l’intero percorso con il cliente.

Per approfondire la conoscenza del Counselor e capire cosa può fare per te, chiamaci al 329 7789850 oppure scrivici a info@attivamentecounselor.it: potrai farci tutte le domande che ti serviranno per valutare il nostro supporto oppure chiedere un incontro senza impegno.

 

 
Condividi

Il counseling: la definizione di AssoCounseling

Il counseling professionale è un’attività il cui obiettivo è il miglioramento della qualità di vita del cliente, sostenendo i suoi punti di forza e le sue capacità di autodeterminazione.

Il counseling offre uno spazio di ascolto e di riflessione, nel quale esplorare difficoltà relative a processi evolutivi, fasi di transizione e stati di crisi e rinforzare capacità di scelta o di cambiamento.

E’ un intervento che utilizza varie metodologie mutuate da diversi orientamenti teorici. Si rivolge al singolo, alle famiglie, a gruppi e istituzioni. Il counseling può essere erogato in vari ambiti, quali privato, sociale, scolastico, sanitario, aziendale.

Qui sotto il video pubblicato su YouTube da AssoCounseling.

Quando è utile il counseling?

Il counseling non è una forma di terapia (medica o psicologica) o di sostegno psicologico. Il counseling è un percorso di crescita, di responsabilizzazione, di maturazione durante il quale siamo seguiti da un professionista, il counselor, che ci accompagna alla scoperta di un futuro diverso.

Il counselor non dà consigli, non offre soluzioni e non indica scorciatoie.

Il counselor ci accompagna verso mete e obiettivi che noi stessi abbiamo stabilito, e aiuta a far sì che ognuno di noi possa dare il meglio di se stesso: nella vita privata, nella scuola, nel lavoro, nei rapporti di coppia e familiari.counseling

Ognuno di noi possiede delle potenzialità e delle risorse: il counselor ci aiuta ad esprimerle.

Capita a tutti nella vita di attraversare dei momenti difficili. Questi momenti sono caratterizzati, per lo più, da una così detta “fase di transizione” ovvero da un cambiamento: personale, scolastico, professionale, amicale, etc.

Durante la nostra vita accadono delle cose che, pur essendo del tutto normali (nasce un figlio, cambia il lavoro, si chiude un ciclo scolastico, etc.), spesso ci lasciano in una situazione di empasse rispetto alla quale non sappiamo bene come muoverci.

Il counseling è utile quando…
dobbiamo prendere una decisione difficile che riguarda la nostra vita personale o professionale;
dobbiamo raggiungere un obiettivo che ci siamo posti, ma incontriamo delle difficoltà;
ci troviamo di fronte ad una scelta lavorativa;
vogliamo riorganizzare le nostre relazioni familiari, magari in seguito ad una separazione o ad un divorzio;
i figli diventano grandi e lasciano la loro famiglia d’origine;
quei figli siamo noi e non sappiamo più come rapportarci alla nostra famiglia d’origine;
si costruisce o si ri-costruisce un nuovo nucleo familiare;
incontriamo dei problemi nella vita di coppia;
incontriamo difficoltà nella carriera scolastica (ad esempio siamo bloccati nella scelta dell’università o nel sostenere un esame);
ci troviamo in delle situazioni dove, da soli, sentiamo di non farcela.

 
Condividi

I clienti raccontano…

Vi proponiamo un video pubblicato su YouTube da “AICIS – Promuovere Comunità Empatiche” che da voce alle esperienze di alcune persone che hanno deciso di intraprendere un percorso di counseling. La visione vi darà maggiori elementi per comprendere meglio in cosa consiste l’intervento di counseling e quali sono i suoi benefici principali.

 
Condividi